Brevi cenni sui canoni di concessione del demanio marittimo alla luce della giurisprudenza più recente
PUBBLICO - AMMINISTRATIVO

Divulgativo

Brevi cenni sui canoni di concessione del demanio marittimo alla luce della giurisprudenza più recente

Gianluigi Pallotta 316 -

La disciplina delle concessioni demaniali marittime si caratterizza per una particolare difficoltà nell’applicazione della normativa, che, pertanto, richiede una costante attività giurisdizionale (civile, penale, amministrativa, tributaria e contabile) interpretativa in continua evoluzione.


Sommario:  Introduzione;  1. Distinzione terminologica tra canoni, fitti e tasse; 2. Le concessioni per la nautica da diporto e quelle per finalità turistico-ricreative; 3.  Le opere pertinenziali nelle concessioni demaniali marittime.

Introduzione

Il complesso perimetro delle concessioni demaniali marittime appare caratterizzato da una crescente proliferazione di norme,[1] perciò diventa di fondamentale importanza rintracciare le rationes decidendi:[2] le motivazioni elaborate dai Giudici nell’attività di interpretazione e sviluppo di norme giuridiche astruse che serve a colmare eventuali lacune (quando si rende necessaria un’attività ermeneutica costruttiva).

Continua...


Il testo dell'articolo è disponibile solo agli utenti iscritti.
Iscriviti per leggere gratuitamente gli articoli.

Accedi o iscriviti è GRATIS

Letture consigliate

CODICE AMMINISTRATIVO 2019
I NUOVI CODICI

In arrivo, leggi scheda prodotto

CODICE AMMINISTRATIVO (EDITIO MINOR)
I CODICI MINOR

Disponibile in magazzino


Estremi per la citazione:
Gianluigi Pallotta, BREVI CENNI SUI CANONI DI CONCESSIONE DEL DEMANIO MARITTIMO ALLA LUCE DELLA GIURISPRUDENZA PIÙ RECENTE, in Riv. Cammino Dirit.,3, 2019

Documento in pdf
Pagine