Lo storno di dipendenti può configurare la concorrenza sleale
COMMERCIALE - COMMERCIALE

Divulgativo

Lo storno di dipendenti può configurare la concorrenza sleale

Andrea Bazzichi 34 -

Ecco come il passaggio di dipendenti da un'impresa all'altra contrasta con i principi fondamentali in materia di concorrenza.


Sommario: 1. Premesse generali; 2. Il caso Concreto: ordinanza del Tribunale di Macerata del 30.07.2018; 3. La tutela nel caso lo storno sia configurato; 4. Riflessioni conclusive.

1) Premesse generali

Lo storno di dipendenti, ovvero il passaggio da un'impresa all'altra è argomento sempre dibattuto e di attualità. Ciò trova spiegazione nel fatto che la fattispecie implica il contemperamento di contrapposti interessi che trovano copertura costituzionale, quali la libertà di impresa e la libera concorrenza. In tale quadro, in via ulteriore vanno aggiunti i principi dell'abuso del diritto, nonché quello di buona fede che da tempo, ormai regola i rapporti tra le parti, non solo per quanto riguarda l'esecuzione del contratto. Peraltro, lo storno di dipendenti rappresenta una delle forme in cui può manifestarsi la concorrenza sleale contenuta nell'art 2598 n° 3 c.c. quale clausola generale di chiusura1. La disposizione individua due elementi in un preciso ordine logico che devono essere oggetto di valutazione: 1) il parametro della correttezza della professionale, che può mutare nel tempo e da settore a settore, 2) l'idoneità di tale condotta nel danneggiare l'altrui azienda. La giurisprudenza nel tentativo di semplificare un accertamento che per sua natura è problematico ha elaborato una serie di indici, parametri, la cui presenza vale a stabilire se il passaggio di dipendenti da un soggetto all'altro sia lecito o meno. In sede di prima analisi va ricordato come tali parametri non costituiscono un numero chiuso, non sono graduati in ordine di importanza, non devono necessariamente ricorrere tutti, ma nemmeno sono alternativi tra loro. D'altronde, gli stessi sono il frutto di un ragionamento presuntivo, per cui maggiori indici si ravvisano nel caso concreto, più probabile che lo storno sia da reputarsi illegittimo. Nel contempo, è altrettanto ovvio che nell'analisi del caso concreto la condotta in contestazione possa configurare solo alcuni dei parametri e far ritenere inesistenti gli altri.

Continua...


Il testo dell'articolo è disponibile solo agli utenti iscritti.
Iscriviti per leggere gratuitamente gli articoli.

Accedi o iscriviti è GRATIS

Letture consigliate

IPERCOMPENDIO DIRITTO COMMERCIALE
IPERCOMPENDI

Disponibile in magazzino

ISTITUTI TECNICI - DIRITTO COMMERCIALE
IN TASCA

In arrivo, leggi scheda prodotto


Estremi per la citazione:
Andrea Bazzichi, LO STORNO DI DIPENDENTI PUÒ CONFIGURARE LA CONCORRENZA SLEALE, in Riv. Cammino Dirit.,3, 2019

Documento in pdf
Pagine