Messa alla prova: per la Corte costituzionale se l´esito è positivo nessuna menzione nel casellario giudiziale
PENALE - PROCEDURA PENALE

Divulgativo

Messa alla prova: per la Corte costituzionale se l´esito è positivo nessuna menzione nel casellario giudiziale

Stefano Solidoro 176 -

L'obbligo di inclusione nel casellario del provvedimento di messa alla prova conclusa con successo contrasta con la finalità rieducativa della pena, costituendo “un ostacolo al reinserimento sociale del soggetto”, e risulta inoltre irragionevole se confrontato con analogo istituto premiale come il patteggiamento, che invece prevede la non menzione.


Sommario: 1. Premessa. 2. Le ordinanze di rimessione. 3. Le statuizioni della Consulta. La violazione dell’art. 3 Cost. … 3.1. (segue) … ed il vulnus al principio del finalismo rieducativo della pena ex art. 27 Cost. 4. Conclusioni.

1. Premessa

Con la sentenza n. 231 del 07/11/18 (dep. il 07/12/18, Pres. Lattanzi, Red. Viganò) la Corte costituzionale si interessa nuovamente di messa alla prova ex artt. 168bis c.p. e 464bis c.p.p. [1], sebbene in quest’occasione l’istituto non rappresenti l’oggetto immediato del giudizio di legittimità quanto piuttosto, come si avrà modo di constatare, la sua necessaria cornice.

Continua...


Il testo dell'articolo è disponibile solo agli utenti iscritti.
Iscriviti per leggere gratuitamente gli articoli.

Accedi o iscriviti è GRATIS

Letture consigliate

CODICE PENALE OPERATIVO
CODICI OPERATIVI

Disponibile in magazzino

CODICE DI PROCEDURA PENALE OPERATIVO
CODICI OPERATIVI

Disponibile in magazzino


Estremi per la citazione:
Stefano Solidoro, MESSA ALLA PROVA: PER LA CORTE COSTITUZIONALE SE L´ESITO È POSITIVO NESSUNA MENZIONE NEL CASELLARIO GIUDIZIALE, in Riv. Cammino Dirit.,1, 2019

Documento in pdf
Pagine