Diritto di accesso e riservatezza dei dati dei candidati nelle procedure concorsuali
PUBBLICO - AMMINISTRATIVO

Scientifico

Diritto di accesso e riservatezza dei dati dei candidati nelle procedure concorsuali

Francesco Orabona 113 -

L’Amministrazione ha l’onere di operare il bilanciamento tra le esigenze difensive rappresentate dall'istante e quelle connesse alla riservatezza di soggetti terzi ossia dei candidati che si sono collocati in posizione migliore rispetto al candidato che ha proposto l’impugnativa avverso la graduatoria.


Sommario: 1) L’accesso ai documenti amministrativi e diritto alla riservatezza: inquadramento normativo; 2) Il rapporto tra diritto di accesso e riservatezza; 3) Accesso, riservatezza e diritto di difesa; 4) Accesso e riservatezza nelle selezioni pubbliche.

1. L’accesso ai documenti amministrativi e diritto alla riservatezza: inquadramento normativo

Nel nostro ordinamento il diritto d’accesso ha trovato la sua prima organica strutturazione nella l. 241/1990 rivista da una serie di interventi legislativi (legge n. 15/2005 e novella n. 69/2009) che nel contribuire al superamento della vexata questio[1] circa la natura giuridica della situazione soggettiva giustificativa della visione dei documenti amministrativi, hanno oramai sistematicamente inquadrato tale posizione giuridica nel novero dei diritti soggettivi.

Continua...


Il testo dell'articolo è disponibile solo agli utenti iscritti.
Iscriviti per leggere gratuitamente gli articoli.

Accedi o iscriviti è GRATIS

Letture consigliate

CODICE DELLE LEGGI AMMINISTRATIVE
STUDI SUPERIORI

In arrivo, leggi scheda prodotto

LAVORO E INTEGRAZIONE DELLE POLITICHE PUBBLICHE
UNIVERSITÀ

Disponibile in magazzino


Estremi per la citazione:
Francesco Orabona, DIRITTO DI ACCESSO E RISERVATEZZA DEI DATI DEI CANDIDATI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI, in Riv. Cammino Dirit.,12, 2018

Documento in pdf
Pagine