Sto caricando la pagina
Il discrimen tra mutatio ed emendatio libelli alla luce della più recente interpretazione giurisprudenziale

Il discrimen tra mutatio ed emendatio libelli alla luce della più recente interpretazione giurisprudenziale
CIVILE - PROCEDURA CIVILE

Divulgativo

Il discrimen tra mutatio ed emendatio libelli alla luce della più recente interpretazione giurisprudenziale

Annamaria Di Clemente 466 -

La sentenza in rassegna riafferma il principio secondo cui la questione relativa alla novità, o meno, di una domanda giudiziale è correlata all’individuazione del bene della vita in relazione al quale la tutela è richiesta rilevando, a tal fine, la mutazione del corrispondente diritto e non già la sua mera qualificazione giuridica.


Sommario: 1. Profili introduttivi; 2. I confini tra mutatio ed emendatio libelli secondo la ricostruzione offerta dalle Sezioni Unite; 3. Nota di commento alla recente sentenza della Corte di Cassazione del 27 settembre 2018 n. 23167; 4. Conclusioni.

1. Profili introduttivi

Prima di svolgere una breve nota di commento alla recente sentenza della Suprema Corte, gioverà svolgere alcune premesse in ordine ai principi generali che informano il nostro sistema processuale civile in riferimento alla domanda introduttiva del giudizio.

Continua...


Il testo dell'articolo è disponibile solo agli utenti iscritti.
Iscriviti per leggere gratuitamente gli articoli.

Accedi o iscriviti è GRATIS

Letture consigliate

MANUALE DI DIRITTO CIVILE
I MANUALI SUPERIORI

Disponibile in magazzino

TRATTATO OPERATIVO DI RESPONSABILITÀ MEDICA
I TRATTATI OPERATIVI

Disponibile in magazzino


Estremi per la citazione:
Annamaria Di Clemente, IL DISCRIMEN TRA MUTATIO ED EMENDATIO LIBELLI ALLA LUCE DELLA PIÙ RECENTE INTERPRETAZIONE GIURISPRUDENZIALE, in Riv. Cammino Dirit.,10, 2018

Documento in pdf
Pagine