Sto caricando la pagina
Se viene riprodotto un marchio registrato, il sequestro è legittimo?

Se viene riprodotto un marchio registrato, il sequestro è legittimo?
COMMERCIALE - MARCHI E BREVETTI

Divulgativo

Se viene riprodotto un marchio registrato, il sequestro è legittimo?

Alessandra Inchingolo 247 -

Con sentenza n. 31742 del 2018, la Cassazione ha confermato l'ordinanza di sequestro disposta dal tribunale di Napoli, stabilendo che è legittimo il sequestro se viene riprodotto un marchio o un segno distintivo che risultino depositati o brevettati nelle forme di legge.


La vicenda prende le mosse dall’episodio relativo al sequestro probatorio di “automobiline elettriche” disposto dal Tribunale di Napoli il 6.02.2018 e  che secondo l’accusa configurerebbe il reato di contraffazione ex art. 474 c.p. poiché imitative di un modello vero di Jeep Wrangler.

L’imputato, ricorreva dinanzi al Supremo Collegio avverso l’ ordinanza poi confermata dal Tribunale del Riesame. I Supremi Giudici, dopo aver evidenziato che i provvedimenti emessi in materia di sequestro preventivo e probatorio sono ammessi solo per violazione di legge, ed in tale nozione si devono comprendere sia gli errores in iudicando o in procedendo, sia quei vizi della motivazione così radicali da rendere l'apparato argomentativo posto a sostegno del provvedimento o del tutto mancante o privo dei requisiti minimi di coerenza, completezza e ragionevolezza e quindi inidoneo a rendere comprensibile l'itinerario logico seguito dal giudice (Sez. Un., n. 5876 del 28/01/2004, Rv 226710; Sez. Un., n. 25932 del 29/05/2008, Rv 239692; Sez. 4, n. 43480 del 30/09/2014, Rv 260314; Sez. 1, n. 6821 del 31/01/2012, Rv 252430), ha poi chiarito che il sequestro probatorio, essendo un mezzo di ricerca della prova può essere fondato  solo sulla mera possibilità del rapporto delle cose con il reato. Pertanto se a seguito di indagini, si appalesa il pericolo, il sequestro sarà più che mai opportuno oltre che legittimo, poiché teso a dimostrare che esiste un collegamento tra le cose oggetto di sequestro e il reato astrattamente configurabile.

Ai fini della legittimità del decreto di perquisizione e del conseguente sequestro, il fumus necessario per la ricerca della prova è, dunque, quello riguardante l'avvenuta commissione dei reati, nella loro materiale accezione, sicché il mezzo è ritualmente disposto anche qualora il fatto non sia materialmente accertato, ma ne sia ragionevolmente presumibile o probabile la commissione, desumibile anche da elementi logici (Sez. 4, n. 43480 del 30/09/2014, Rv 260314; Sez. 3, n.6465 del 14/12/2007, dep. 2008, Rv 239159; Sez. 2, n. 84 del 16/01/1997, Rv 208468).

Continua...


Il testo dell'articolo è disponibile solo agli utenti iscritti.
Iscriviti per leggere gratuitamente gli articoli.

Accedi o iscriviti è GRATIS

Letture consigliate

MANUALE DI DIRITTO COMMERCIALE
MANUALI BREVI D´AUTORE

Disponibile in magazzino

SCHEMI DI DIRITTO COMMERCIALE
IL DIRITTO IN SCHEMI

Disponibile in magazzino


Estremi per la citazione:
Alessandra Inchingolo, SE VIENE RIPRODOTTO UN MARCHIO REGISTRATO, IL SEQUESTRO È LEGITTIMO?, in Riv. Cammino Dirit.,10, 2018

Documento in pdf
Pagine