Aggiornamento

Sto caricando la pagina
Cosa prevede il nuovo decreto dignità



Articoli per argomento


Codici online (ricerca)

Ricerca nella libreria

Libreria Giuridica
Civile - Lavoro

Divulgativo

Cosa prevede il nuovo decreto dignità

La Redazione

Introdotte, attraverso un decreto-legge, misure urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese. A breve la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.


Il Consiglio dei Ministri ha approvato, nella riunione n. 8 del 02 luglio 2018, un decreto-legge che mira ad introdurre misure urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese. Durante la riunione sono stati approvati in totale tre decreti legge, che entreranno in vigore con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, attesa a breve (approvati infatti anche il riordino delle attribuzioni dei Ministeri dei beni e delle attività culturali e del turismo e la cessione di unità navali italiane alla Libia).

Seguendo la scaletta divulgata dalla Presidenza del Consiglio, il decreto "dignità", tra i primi del nuovo Governo che dovrebbe cominciare da subito a mostrare risultati nell'economia reale, prevede:

A) disposizioni volte a limitare l’utilizzo dei contratti di lavoro a tempo determinato, favorendo i rapporti a tempo indeterminato. L'obiettivo è quello di ridurre il lavoro precario, riservando la contrattazione a termine ai casi di reale necessità da parte del datore di lavoro. A questo scopo, si prevede che, fatta salva la possibilità di libera stipulazione tra le parti del primo contratto a tempo determinato, di durata non superiore a 12 mesi di lavoro in assenza di specifiche causali, l’eventuale rinnovo dello stesso sarà possibile esclusivamente a fronte di esigenze temporanee e limitate. In presenza di una di queste condizioni già a partire dal primo contratto sarà possibile apporre un termine comunque non superiore a 24 mesi. Al fine di indirizzare i datori di lavoro verso l’utilizzo di forme contrattuali stabili, inoltre, si prevede l’aumento dello 0,5% del contributo addizionale – attualmente pari all’1,4% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali, a carico del datore di lavoro, per i rapporti di lavoro subordinato non a tempo indeterminato – in caso di rinnovo del contratto a tempo determinato, anche in somministrazione;

Continua...


Il testo dell'articolo è disponibile solo agli utenti iscritti.
Iscriviti per leggere gratuitamente gli articoli.

Accedi o iscriviti è GRATIS


Estremi per la citazione:
La Redazione, COSA PREVEDE IL NUOVO DECRETO DIGNITÀ, in Riv. Cammino Dirit.,7, 2018

Documento in pdf
Pagine
Parole associate all'articolo
| Gazzetta | Introdotte | Ufficiale | Attraverso | Decretolegge | Dignità | Imprese | Lavoratori | Misure | Pubblicazione | Urgenti
Consulta - Codici e Cassazione